video privati di casalinghe depravate che si fanno montare dal cane

31K
Share
Copy the link

porno con animali Sono sposata felicemente; sono appagata sessualmente. Ho una vita regolare ed economicamente non posso lamentarmi.Viviamo in campagna appena fuori Milano. Il nostro giardino ospita, oltre ad una tartaruga, due gatti e due pastori tedeschi.Mesi addietro, mentre eravamo in giardino a prendere il sole, io e mio marito abbiamo fatto l’amore e lui come al suo solito mi ha messo alla pecorina… posizione questa che non disdegno affatto.Mentre ero montata, noto che Goldy, il maschio pastore, mi guardava fisso come se, in quel momento, invidiasse mio marito per quello che mi stava facendo.Abbiamo goduto non curanti della presenza del cane e poi, come spesso capita, ci siamo addormentati al sole. Dalle sera stessa, Goldy dimosttava essere nervoso, mi annusava continuamente, non rispondeva ai miei ordini e ringhiava a mio marito. Intuivo il perchè ma mentalmente non volevo approfondire.Qualche giorno dopo, ero in casa sola, e noto che Goldy in posizione seduta, mi guardava fisso e aveva estratto dalla pelliccia il suo enorme cazzo rosso. Mi sono avvicinata cercando di calmarlo ma lui niente. Ho iniziato ad accarezzarlo sul dorso, poi sotto la pancia e proprio mentre ero li mi è venuto istintivo sesso con cavallo prenderglielo in mano. Caldissimo e pulsante ho iniziato a menarglielo… poi mi sono accovacciata sotto e lo preso in bocca sino a farlo venire. Il suo sapore forte ed agre mi rimase in dosso tutto il giorno. La sera a letto, eccitata per quello che ero riuscita a fare, mi accostai a mio marito per essere scopato ma lui, stanco per l’intensità del giorno, già dormiva.Sentivo la fica pulsarmi e bagnarsi al ricordo di qualche ora prima, per cui nel massimo silenzio mi alzo e vado in bagno. Appena uscita dalla camera da letto, Goldy sul suo tappetino si distoglie dal suo torpore e viene subito da me…mi annusa….sente il mio odore di donna in calore. Lo faccio entrare in bagno mi seggo sul water, allargo le cosce e mi faccio leccare. La lingua s’insinuava ovunque e mi fa godere. Mi metto alla percorina appoggiandomi al bordo della vasca…lui da dietro mi monta…non riesce ad entrare e così lo aiuto appoggiando la sua punta sulla vagina che dopo qualche scossono riesce a entrare e a penetrarmi. Ce lo tutto dentro ed impazzisco dal dolore, dalla voglia e dalla pervezione che mi ha colpito. Godo e poi godo e poi godo ancora soprattutto quando sento il suo seme riempirmi. Mi sento stordita…sono una porca perversa…mi sento sporca. Mi doccio e mi masturbo quardando il cano e pensando a quello che è successo. Da quel giorno, quando ne ho voglia mi faccio riempire la fica dal mio amico Goldy.