Ogni coppia impegnata a darsi piacere e a sbirciare cosa faceva l’altra

2K
Share
Copy the link

racconti di sesso

racconti di sesso La conoscenza con una coppia apre ad orizzonti non previsti… Avevamo fatto amicizia in spiaggia. Erano una coppia più giovane di noi, ma la loro esuberanza e la loro spavalderia non faceva notare la differenza di età di circa 10 anni, noi intorno ai 35 loro intorno ai 25. Anzi in molti discorsi noi che eravamo una coppia tranquilla e timida apparivavamo spesso come quelli con meno esperienza. Li trovammo simpatici e iniziammo a frequentarci. Loro avevano l’appartamento proprio di fronte alla spiaggia, mentre il nostro hotel era più distante. Venne naturale accettare il loro invito a passare da loro le ore centrali della giornata, per sfuggire alla torrida afa di quel periodo. Nella loro casa il caldo era un po’ mitigato e potevamo rilassarci in un ambiente un po’ più fresco. Pranzammo in modo frugale e leggero e poi ci andammo a stendere, in costume, nella loro camera per riposare. La cosa particolare era che avevano due letti a una piazza e mezzo che avevano unito formando un grande letto. Ci chiesero se era un problema quella disposizione, ma rispondemmo di no e ogni coppia si stese su uno dei due letti. Chiacchierammo un po’, nella penombra, fin quando qualcuno cominciò ad appisolarsi e la conversazione si spense. Anche io, senza rendermene conto mi addormentai e venni svegliato, non so quanto tempo racconti erotici zoofilia dopo dalle carezze di mia moglie sul mio petto. La guardai e vidi che stava guardando nell’altro letto mentre mi accarezzava. L’altra coppia, infatti, si stava baciando, in modo appassionato. Si accorsero che li stavamo osservando e ci sorrisero. Mia moglie mi sorprese iniziando anche lei a baciarmi. Ci baciavamo e abbracciavamo e scambiavamo sguardi con gli altri due. Ad un certo punto le mani di lui passarono sotto al reggiseno di lei, togliendoglielo di dosso. Poi iniziò a baciarla e leccarla proprio sui seni, succhiandole i capezzoli. Percepii in mia moglie un aumento dell’eccitazione e anche io non potevo nasconderle la mia. Ma non osammo imitarli, non subito almeno. Prima che cominciassi anche io a sfilare il costume a mia moglie, l’altra donna era già completamente nuda, facilitata nel diventarlo anche da uno slip che si slacciava sui fianchi. Quando li imitammo e ci spogliammo anche noi loro erano già in posizione di 69, io le avevo visto la figa completamente depilata e mia moglie aveva già avuto la visione del notevole cazzo di lui. Nel giro di un attimo stavamo scopando al loro fianco. Ogni coppia impegnata a darsi piacere e a sbirciare cosa faceva l’altra. Loro sembravano molto divertiti dalla cosa, quasi fossero abituati. Noi apparivamo più stupiti, più sconvolti dalla situazione ma la stavamo inaspettatamente apprezzando. Io fui il primo a godere, mia moglie mi seguì poco dopo. Gli altri proseguirono mentre noi rimanemmo a guardarli, abbracciati fra noi. Lui doveva avere parecchia resistenza. Osservammo diversi orgasmi di lei ma io ebbi tempo di tornare eccitato e di ricominciare a scopare mia moglie, racconti 69 annunci prima del suo primo orgasmo. Dopo, senza dire una parola, ci riposammo e riaddormentammo. Io venni svegliato di nuovo da una carezza. Stavolta era sul mio culo, dormivo a pancia in giù. Sentii il mio cazzo indurirsi. Aprii gli occhi e guardai mia moglie. Sembrava stesse dormendo. Mi girai stupito e vidi dall’altra parte del letto lui che mi guardava con un sorriso sornione dipinto sul volto. Era lui che mi stava palpando le chiappe. “Hai un culo bellissimo, posso?” mi sussurrò. Io guardai oltre di lui e vidi che la sua donna stava anch’essa dormendo. Si portò un dito alla bocca e lo umettò abbondantemente di saliva. Poi lo riportò fra i miei glutei e iniziò a stimolarmi il buchetto. Questo gesto, questa richiesta completamente inaspettata, imprevista e mai da me considerata mi eccitò in una maniera insolita. Col cazzo durissimo premuto contro il materasso sentii crescere in me gli impulsi di un orgasmo. Lui sembrò capire e cogliere questa mia eccitazione. Salì sopra di me. Notai che già indossava sul cazzo un preservativo, umido e luccicante per un lubrificante che gli aveva spalmato sopra. Fu estremamente facile. Lo sentii entrare, lo sentii penetrare il mio ano vergine con quel suo grosso cazzo. Mi stava piacendo, sia come sensazione fisica che come implicazioni psicologiche. Tra i miei gemiti e il movimento del materasso mia moglie si sveglio. pornolupo Vidi la sua espressione mentre capiva cosa stava succedendo. Vidi un attimo di smarrimento nei suoi occhi. Mi guardò a bocca aperta. Io, mentre ero immerso nel godimento, le sorrisi. Notai che portò la sua mano fra le gambe, iniziando a masturbarsi. Il fatto che a mia moglie stesse piacendo quello che vedeva, che godesse del fatto che il suo uomo stava avendo un rapporto omosessuale davanti a lei, fu per me il massimo della perversione e mi fece esplodere in un altro orgasmo. Quasi persi i sensi, non capii più niente per diversi minuti, ma il pomeriggio non era ancora finito…

racconti di sesso
racconti di sesso
racconti di sesso
racconti di sesso
racconti di sesso
racconti di sesso
racconti di sesso
racconti di sesso